Pages: [1] 2   Go Down
Print
Author Topic: Social network della SDAI  (Read 7849 times)
0 Members e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
fabio.rinnone
Apprendista Forumista
**
Offline Offline

Gender: Male
Posts: 161


WWW
« on: 31-01-2009, 12:22:29 »

Non so se qualcuno ha fatto prima di me una proposta del genere.

Non sarebbe interessante, in futuro semmai, creare un social network della SDAI, ad esempio con la piattaforma Ning (http://www.ning.com)? Oggi i social networks vanno di moda e poi, penso, siano più flessibili rispetto ad un forum.

Saluti
Logged

Fabio Rinnone
Fr3d3R!K
Forumista Eroico
*****
Offline Offline

Gender: Male
Posts: 2.463



« Reply #1 on: 31-01-2009, 12:34:50 »

a mio avviso non sarebbe (non dico interessante) utile. Le mode passano, mentre per creare (e gestire) una piattaforma simile ci vuole tempo e denaro a lungo termine. E per un temporaneo fenomeno di massa collettivo non mi pare proprio che ne valga la pena (visto che già comunque non è che ci siano tutti questi soldi). Tengo a precisare che questa è la mia opinione comunque. Questo forum nasce come strumento di informazione/supporto per gli studenti del dipartimento, ed a quanto vedo finora sta svolgendo egregiamente il suo compito, perchè cambiare?
Saluti.
« Last Edit: 31-01-2009, 12:37:22 by Fr3d3R!K » Logged

Search Button, CODE Tag, Google & Italian language are your friends! Use Them!
nessunoHaStoNick®
Forumista
***
Offline Offline

Gender: Male
Posts: 660



« Reply #2 on: 31-01-2009, 13:35:01 »

a mio avviso non sarebbe (non dico interessante) utile. Le mode passano, mentre per creare (e gestire) una piattaforma simile ci vuole tempo e denaro a lungo termine. E per un temporaneo fenomeno di massa collettivo non mi pare proprio che ne valga la pena (visto che già comunque non è che ci siano tutti questi soldi). Tengo a precisare che questa è la mia opinione comunque. Questo forum nasce come strumento di informazione/supporto per gli studenti del dipartimento, ed a quanto vedo finora sta svolgendo egregiamente il suo compito, perchè cambiare?
Saluti.

la tua opinione è che non ne valga la pena o che si tratta di un fenomeno temporaneo?
Logged
ɹǝǝuıƃuǝsɹǝʌǝɹ
Administrator
God of the Forum
*****
Offline Offline

Gender: Male
Posts: 4.474


Più grande è la lotta, e più è glorioso il trionfo


WWW
« Reply #3 on: 31-01-2009, 13:57:47 »

Non so se qualcuno ha fatto prima di me una proposta del genere.

Non sarebbe interessante, in futuro semmai, creare un social network della SDAI, ad esempio con la piattaforma Ning (http://www.ning.com)? Oggi i social networks vanno di moda e poi, penso, siano più flessibili rispetto ad un forum.

Saluti
Ma io non capisco una cosa: perché creare social network (online) quando ci si può vedere di persona? Mi pare che tra tettoia per fumatori e spazio antistante le macchinette (e perché no, aula studio ok) di gente simpatica se trovi un sacco .
Logged

La grande marcia della distruzione mentale proseguirà. Tutto verrà negato. Tutto diventerà un credo. È un atteggiamento ragionevole negare l'esistenza delle pietre sulla strada; sarà un dogma religioso affermarla. È una tesi razionale pensare di vivere tutti in un sogno; sarà un esempio di saggezza mistica affermare che siamo tutti svegli. Accenderemo fuochi per testimoniare che due più due fa quattro. Sguaineremo spade per dimostrare che le foglie sono verdi in estate. Non ci resterà quindi che difendere non solo le incredibili virtù e saggezze della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile: questo immenso, impossibile universo che ci guarda dritto negli occhi. Combatteremo per i prodigi visibili come se fossero invisibili. Guarderemo l'erba e i cieli impossibili con uno strano coraggio. Saremo tra coloro che hanno visto eppure hanno creduto.

In tutto, amare e servire.

  
                            ن                           
I can deal with ads,
I can deal with buffer,
but when ads buffer
I suffer...

...nutrimi, o Signore, "con il pane delle lacrime; dammi, nelle lacrime, copiosa bevanda...

   YouTube 9GAG    anobii  S  Steam T.B.o.I. Wiki [univ] Lezioni private  ʼ  Albo d'Ateneo Unicode 3.0.1
Usa "Search" prima di aprire un post - Scrivi sempre nella sezione giusta - Non spammare - Rispetta gli altri utenti - E ricorda di seguire il Regolamento
Fr3d3R!K
Forumista Eroico
*****
Offline Offline

Gender: Male
Posts: 2.463



« Reply #4 on: 31-01-2009, 14:00:57 »

Ma io non capisco una cosa: perché creare social network (online) quando ci si può vedere di persona? Mi pare che tra tettoia per fumatori e spazio antistante le macchinette (e perché no, aula studio ok) di gente simpatica se trovi un sacco .
alla grandissima!!!
la tua opinione è che non ne valga la pena o che si tratta di un fenomeno temporaneo?
entrambe le cose. Non ne vale la pena perchè (sempre secondo me) si tratta della moda del giorno, non porterebbe nulla di realmente utile (e l'esempio di reverse calza a pennello). Come SecondLife, sparirà tra qualche anno appena qualcuno si inventerà qualcosa di più interessante che devierà l'attenzione degli utenti.
Logged

Search Button, CODE Tag, Google & Italian language are your friends! Use Them!
fabio.rinnone
Apprendista Forumista
**
Offline Offline

Gender: Male
Posts: 161


WWW
« Reply #5 on: 31-01-2009, 20:48:02 »

La piattaforma che ho proposto è gratuita, poi non credo che i social networks siano solo una "moda" e credo che verranno utilizzati per molto tempo ancora: probabilmente negli anni si evolveranno, ma non credo scompariranno. Se non fosse così oggi non si userebbero più neanche posta elettronica o programmi di messaggistica istantanea. In ogni caso non penso neanche che un social network, come da me proposto, debba sostituire questo forum: potrebbe essere esclusivamente un supporto in più per la comunicazione tra studenti e docenti. Comunque la mia è solo una proposta.

Saluti
Logged

Fabio Rinnone
Fr3d3R!K
Forumista Eroico
*****
Offline Offline

Gender: Male
Posts: 2.463



« Reply #6 on: 31-01-2009, 22:38:14 »

bè io ho considerato la tua frase "oggi i social networks vanno di moda", ed ho voluto spiegarti come, se l'università dovesse assecondare tutte le mode, sarebbe (soprattutto) senza soldi e persone da tempo. Nel caso specifico dei social networks, molti colleghi sono iscritti a facebook (che è gratuito pure a quanto mi risulta), ci si può incontrare lì. Però, per un progetto simile, ci vorrebbero delle persone (docenti o studenti) competenti che se ne occupino (un sito mica si crea da solo ma c'è bisogno di qualcuno che stia lì a farlo), il che significa tempo tolto ad altre eventuali occupazioni delle stesse. In questo va considerato che sto procedendo nell'ipotesi che quel qualcuno (o quel gruppo in caso di più persone) lavori GRATIS. E questo è un caso sempre più raro di questi tempi (non per indisponibilità o mancata voglia delle persone ma perchè proprio la tanto "pubblicizzata" crisi economica non ha risparmiato nessuno e si fa pure fatica a trovarlo il lavoro), quindi capirai che. soprattutto l'università, soprattutto in questo momento dove si preannunciano tagli grazie alla "cara" sig.ra Gelmini, non abbia soldi da spendere in progetti che non siano REALMENTE utili A LUNGO TERMINE. La posta elettronica è nata negli anni '70 (circa) ed è ancora utilizzata parecchio. Questo è un progetto utile a lungo termine, perchè ha migliorato la comunicazione tra persone che, invece di aspettare giorni per una risposta (sperando che non si perda per strada la lettera), in pochi secondi può spedire una grande quantità di informazioni ed ottenere una risposta altrettanto celermente! Con questo non voglio demonizzare i social networks, rispetto la tua opinione pur non condividendola, ma un sito di aggregazione/incontri all'interno di un portale universitario converrai con me che stona molto, principalmente per il motivo citato da reverse. Solo questo.
Ora chiudo qui perchè (probabilmente) sono andato "un pò troppo assai" fuori argomento.
Saluti e buona serata!
« Last Edit: 31-01-2009, 22:41:26 by Fr3d3R!K » Logged

Search Button, CODE Tag, Google & Italian language are your friends! Use Them!
JF
Apprendista Forumista
**
Offline Offline

Gender: Male
Posts: 383



WWW
« Reply #7 on: 01-02-2009, 11:08:05 »

Non saprei dire se sono una moda temporanea o dureranno (anche se opterei per la seconda), ma i social network non sono solo questa inutilità. Sono utili per tenere i contatti con persone lontane, per gestire la "rete" di amicizie (per su facebook ci sono solo applicazioni frivole ma cominciano, tipo touchgraph, quelle un tantino + interessanti) e, perché no, anche per ricordarsi i cognomi e i compleanni delle persone che non frequenti spesso Smiley Non possono essere sostituiti dalla parlata alle macchinette, ma sono uno strumento in più. I cellulari non hanno sostituito i rapporti sociali, come qualcuno temeva, semmai hanno offerto uno strumento in più. Ovviamente poi è una deviazione se uno li usa in sostituzione dei veri rapporti sociali... e uno dei motivi per cui secondo me non moriranno mai è che sfogano anche la voglia di "curtigghiu" che alcuni hanno innata  E poi probabilmente saranno sempre più integrati con l'instant messaging (per ora msn è solo chat perché gli space non funzionano come fb, fb è solo social con una minuscola chat ajax, prima o poi uno dei due farà un passo verso l'altro).

Questo sembra un po' OT ma è per dire che imho un social network non è solo futilità, *potrebbe* servire a qualcosa anche in una università; ci sono anche gli scettici sui forum, ma il forum obiettivamente serve, anche se noi non lo sfruttiamo molto didatticamente.

Tuttavia... se proprio qualcuno deve lavorare su di un progetto simile, forse sarebbe meglio indirizzare gli sforzi verso qualcosa di più utile, come altri hanno già scritto. Se già il topic dei video ha più letture della sezione multimedia... significa che per molti di noi il forum è quasi sprecato, figuriamoci un social network... finirebbe a tarallucci e vino 
Logged

the cylon
Guest
« Reply #8 on: 01-02-2009, 12:20:39 »

Intervento rimosso dall'autore (non è per quello che c'era scritto, sto rimuovendo tutti gli interventi).
« Last Edit: 16-03-2009, 20:21:53 by the cylon » Logged
kaesar
Apprendista Forumista
**
Offline Offline

Gender: Male
Posts: 384


volli, e sempre volli, e fortissimamente volli


« Reply #9 on: 01-02-2009, 12:30:59 »

soprattutto l'università, soprattutto in questo momento dove si preannunciano tagli grazie alla "cara" sig.ra Gelmini, non abbia soldi da spendere
scs frederik ma nn è giusto quello ke hai detto, purtrooopo con tutto ke la gelmini sia un ministro della "distruzione " la colpa dei tagli hai fondi universitari nn è sua la colpa proviene dalla finanziaria...
 per il resto i social nektwork secondo me sono utilissimi e difficilmente passeranno d "moda"
Logged

"Se introduci un po' di anarchia... se stravolgi l'ordine prestabilito... tutto diventa improvvisamente caos. Io sono un agente del caos. E sai qual è il bello del caos? È equo!"
andreacannella
Administrator
Forumista Esperto
*****
Offline Offline

Gender: Male
Posts: 1.488


Andea Cannella - www.andreacannella.com


WWW
« Reply #10 on: 02-02-2009, 18:56:21 »

Quoto il collega che ha aperto la discussione...
...l'idea di un social network dello SDAI (anche non ufficiale, ndr) non è da sottovalutare...
Anzi se il collega ha già provato delle piattaforme di social network che ritiene utilizzabili da noi che cominci a creare la struttura del nostro social network...
Wink

Aspetto conferme
Wink
e rimango a disposizione per altre interessanti idee...
Cheesy

 ciao ciao
Logged

Le tre grandi virtù di un programmatore: pigrizia, impazienza e arroganza. (Larry Wall)

Good times for a change
See, the luck I've had
Can make a good man
Turn bad

So please, please, please
Let me, let me, let me
Let me get what I want
This time

The Smiths
fabio.rinnone
Apprendista Forumista
**
Offline Offline

Gender: Male
Posts: 161


WWW
« Reply #11 on: 05-02-2009, 14:25:16 »

Appena posso creo una struttura di base e ve la mostro. E mi dite se va bene o meno
Logged

Fabio Rinnone
fabio.arceri
Apprendista Forumista
**
Offline Offline

Gender: Male
Posts: 152



WWW
« Reply #12 on: 10-12-2010, 14:43:29 »

Salve a tutti, spulciando un po' in Agorà ho ritrovato questo thread interessante risalente a quasi due anni fa. Vorrei rispondere qui perché sono già presenti delle considerazioni importanti che non vorrei ignorare, quindi ri-uppo questo thread e non ne creo uno nuovo.

L'idea di creare social network di facoltà sicuramente non è nuova (Mark Zuckerberg docet). Proprio perché si sa bene, ormai, cosa è un SN e che cosa può fare, c'è una diffidenza diffusa circa il loro utilizzo a livello delle attività universitarie non ricreative. Probabilmente, chi la pensa così non sbaglia. Ma vorrei farvi partecipi di una riflessione che ho fatto io.

Credo sia riduttivo pensare al social networking chiudendosi nei modelli diffusi di Facebook, MySpace o YouTube; lo stesso forum è una rete sociale, anche se in una forma meno evoluta dei SNs attuali, eppure ne conosciamo tutti l'utilità, anzi, la necessità (almeno per quanto mi riguarda).

Non sto dicendo che vale certamente la pena di creare un SN universitario, anche perché, se dovesse essere costruito sulla falsariga di quelli conosciuti, probabilmente sarei il primo a non utilizzarlo. Ma credo onestamente che chiudere la porta in faccia "a priori" a modelli diversi di comunicazione sia sbagliato, anche se tali modelli si ispirano ad altri più noti e non proprio adatti ad una realtà universitaria.

Io penso che la strada da percorrere sia quella dell'unificazione, e non intendo certo con questo l'utilizzo sovrapposto di più strumenti diversi; no. Io parlo di fusione. Parlo di un progetto software che riesca realmente ad asservire ai bisogni e alle necessità non già della facoltà ma di tutte le facoltà della nostra bella università catanese. Parlo della creazione di un vero network nel senso etimologico del termine (net = rete, work = lavoro). Non pensate a Facebook, non pensate a Twitter. Quelle sono evoluzioni naturali del social networking verificatesi per soddisfare un certo target di utenza e di attività. L'università ha un altro tipo di utenza, altre forme di attività.

Capisco che occorra inserire il mio discorso in un contesto economico e quindi di fattibilità a supporto di una tale ambizione; ma a me interessa, in questa sede, rispondere a chi ne ha negato l'utilità in linea di principio. Perché, quindi, non provare a chiedersi se esiste UN modello di social networking capace di rispondere ad alcune necessità della struttura universitaria? Non penso che noi siamo meno creativi degli studenti dell'Accademia Delle Belle Arti. Abbiamo solo possibilità diverse per esprimere la nostra creatività.

Sleghiamoci quindi per un attimo dai costi del progetto e da modelli affermati di riferimento di social networking. Fermiamoci per un attimo a pensare. Siamo proprio sicuri che NESSUN tipo di SN sarebbe veramente utile a studenti, segretari, professori, dottorandi, presidenti di CdL, presidi e a tutte le loro attività, con le sovrapposizioni di ruolo che solitamente ne derivano? (Il presidente del CdL è di solito anche un docente, per esempio).

Pensate ad un'unica web application dove le varie attività sono unificate sotto una struttura compatta, omogenea, solida ed estendibile. Un luogo in cui poter gestire tanto le comunicazioni e le attività dei propri progetti quanto la prenotazione degli esami e l'accesso a servizi che attualmente sono erogati da strutture separate (si pensi allo SDAI e al CEA) o che non sono erogati proprio, come: test di autovalutazione on-line, wiki interno sui materiali di studio dei corsi con relativi riferimenti bibliografici, un sistema di prenotazione on-line dei libri dalla biblioteca o (meglio ancora) un sistema di archiviazione ottica per avere disponibili TUTTI i libri in formato digitale (copyright permettendo), un sistema di gestione delle versioni che gestisca gli accessi concorrenti per progetti software e documentativi collaborativi oppure (similmente) un sistema di deployment dei propri progetti software per averne un feedback immediato da parte di colleghi e docenti (così che i docenti possano visionare preliminarmente i progetti, con notevole risparmio di tempo), eccetera, eccetera, eccetera.

Sono tutti "tools" che si potrebbero integrare col tempo, con passaggi di testimone da uno studente all'altro. Il sistema "base" potrebbe disporre di tutte le essenzialità raccolte in fase di analisi dei requisiti, ma dovrebbe essere strutturato con un occhio di riguardo all'estendibilità, in modo che sia semplice scrivere applicazioni da "far girare" all'interno della piattaforma.

Mi rendo conto di essermi esposto a critiche e di poter risultare ai più come un "sognatore"; ma vi faccio presente che mi trovo a -3 dalla Laurea, quindi, tecnicamente, non ho interesse a parlare di strumenti che entrerebbero in azione quando ormai non mi sarebbero più utili. Voglio solo condividere con voi un mio pensiero.

Saluti  yoh
Logged

Una volta ho dovuto riavviare la macchina di Turing.
ɹǝǝuıƃuǝsɹǝʌǝɹ
Administrator
God of the Forum
*****
Offline Offline

Gender: Male
Posts: 4.474


Più grande è la lotta, e più è glorioso il trionfo


WWW
« Reply #13 on: 10-12-2010, 14:51:20 »

Insomma, più tempo stiamo dietro a un computer  pc durante la nostra vita (universitaria univ), e meglio è ok.

Ho capito il tuo pensiero?
Logged

La grande marcia della distruzione mentale proseguirà. Tutto verrà negato. Tutto diventerà un credo. È un atteggiamento ragionevole negare l'esistenza delle pietre sulla strada; sarà un dogma religioso affermarla. È una tesi razionale pensare di vivere tutti in un sogno; sarà un esempio di saggezza mistica affermare che siamo tutti svegli. Accenderemo fuochi per testimoniare che due più due fa quattro. Sguaineremo spade per dimostrare che le foglie sono verdi in estate. Non ci resterà quindi che difendere non solo le incredibili virtù e saggezze della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile: questo immenso, impossibile universo che ci guarda dritto negli occhi. Combatteremo per i prodigi visibili come se fossero invisibili. Guarderemo l'erba e i cieli impossibili con uno strano coraggio. Saremo tra coloro che hanno visto eppure hanno creduto.

In tutto, amare e servire.

  
                            ن                           
I can deal with ads,
I can deal with buffer,
but when ads buffer
I suffer...

...nutrimi, o Signore, "con il pane delle lacrime; dammi, nelle lacrime, copiosa bevanda...

   YouTube 9GAG    anobii  S  Steam T.B.o.I. Wiki [univ] Lezioni private  ʼ  Albo d'Ateneo Unicode 3.0.1
Usa "Search" prima di aprire un post - Scrivi sempre nella sezione giusta - Non spammare - Rispetta gli altri utenti - E ricorda di seguire il Regolamento
fabio.arceri
Apprendista Forumista
**
Offline Offline

Gender: Male
Posts: 152



WWW
« Reply #14 on: 10-12-2010, 15:03:19 »

Insomma, più tempo stiamo dietro a un computer  pc durante la nostra vita (universitaria univ), e meglio è ok.

Ho capito il tuo pensiero?

No. È il contrario. Un sistema del genere permette un notevole risparmio di tempo e un aumento consistente della produttività. Quindi, anziché finire alle 18:00, termino alle 17:00 così poi ho più tempo da dedicare al mondo  [Emoticon] Asd

Se poi ti riferisci al fatto che uno non va più in biblioteca... beh, anch'io non vado quasi più in Posta per pagare la bolletta, e comunque non sono obbligato a pagarla on-line se sono un "nostalgico" delle 2 ore di fila e della chiacchiera con la "signora qui a fianco a me". Credo che i rapporti sociali non verrebbero intaccati da un uso intelligente del sistema. Internet, d'altra parte, ci ha già abituati alla virtualizzazione dei rapporti sociali, eppure non credo che questo costituisca un problema. Il vedersi un po' meno in viso non necessariamente è un danno, secondo me.

Per il resto, ognuno può pensarla come vuole.
Logged

Una volta ho dovuto riavviare la macchina di Turing.
Pages: [1] 2   Go Up
Print
Jump to: