Pages: 1 ... 15 16 [17] 18 19 ... 24   Go Down
Print
Author Topic: AA 2010-2011: Quesiti a risposta aperta  (Read 85465 times)
0 Members e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
Gladior
Matricola
*
Offline Offline

Posts: 87


« Reply #240 on: 22-10-2011, 19:20:25 »

Allora nel caso specifico dovrei utilizzare un demux



        __________
 a0   - |                   |                                    <----------- Modulo bit meno significativi
 b0   - |                   |-S0
 a1   - |                   |        
 b1   - |                   |-S1    
 a2   - |                   |    
 b2   - |                   |-S2        
 a3   - |                   |        
 b3   - |                   |-S3        
          | __________|  
                    |
                    |______________
                                              |
                                     _____|_______                                                                    
                                    |                       |  
                                    |    DEMUX         |                                                                            
                                    |____________ |
                                           |         |
                     ____________|         |__________        
            F=0  |                                                  |      F=1                                                                      
           _|___|_____                                  ____|____ |_                                
 a4   - |                   |                      a4   - |                   |
 b4   - |                   |-S4                 b4   - |                   |-S4
 a5   - |                   |                      a5   - |                   |
 b5   - |                   |-S5                 b5   - |                   |-S5
 a6   - |                   |                      a6   - |                   |                <-------------modulo bit più significativi
 b6   - |                   |-S6                 b6   - |                   |-S6
 a7   - |                   |                      a7   - |                   |
 b7   - |                   |-S7                 b7   - |                   |-S7
          | __________|                               |__________ |              
                 |                                                       |
              Carry                                                Carry
                Out                                                   out


Il circuito corrispondente  mi auguro sia il seguente
                           _________  
                          |
                          |           ___     AND     _______      
 A                       |           |
--------------------|           |
                          |   ____ |___
                          |  |        |
                          |  |        |        AND      ________
                          |_|____ |___    
                             |_not_|
                             |
                            c
Logged
Giuseppe Scollo
Moderator
Forumista Eroico
*****
Offline Offline

Posts: 1.517


« Reply #241 on: 22-10-2011, 20:39:37 »

Partiamo dal presupposto che i diagrammi riferiti a, b, c, sono identici a quelli del generatore ad impulsi sul fronte di salita come quelli presenti nella figura dell'eserzio quelli che dovrebbero cambiare sono a or b   e d.
Mi scusi, ma resta tuttora incomprensibile, per il pessimo allineamento dei diagrammi: perché non usa il codice
Code:
[tt]
diagramma
[/tt]
come le ho suggerito? Inoltre, le segnalo che:
  • non si capisce dove stia c nel circuito
  • si può solo immaginare che B e D nel circuito abbiano i diagrammi temporali b e d
.
Un po' più di attenzione alla consistenza notazionale non costa poi tanto...
Logged
Giuseppe Scollo
Moderator
Forumista Eroico
*****
Offline Offline

Posts: 1.517


« Reply #242 on: 22-10-2011, 20:50:40 »

Allora nel caso specifico dovrei utilizzare un demux
Sì, lo si può chiamare anche così (demultiplexer, per la precisione), ma rimane un errore fondamentale: la selezione effettuata da tale componente non va in ingresso agli altri due moduli (che tale ingresso non ce l'hanno proprio, nella loro interfaccia), ma deve invece abilitare il trasferimento di una delle due cinquine di uscite di tali moduli verso la corrispondente cinquina di uscite del sommatore a 8 bit.

P.S. Naturalmente, vale anche qui la raccomandazione di tracciare i diagrammi usando il codice Teletype per la spaziatura fissa.
Logged
Gladior
Matricola
*
Offline Offline

Posts: 87


« Reply #243 on: 23-10-2011, 20:33:34 »

Allora nel caso specifico dovrei utilizzare un demux
Sì, lo si può chiamare anche così (demultiplexer, per la precisione), ma rimane un errore fondamentale: la selezione effettuata da tale componente non va in ingresso agli altri due moduli (che tale ingresso non ce l'hanno proprio, nella loro interfaccia), ma deve invece abilitare il trasferimento di una delle due cinquine di uscite di tali moduli verso la corrispondente cinquina di uscite del sommatore a 8 bit.

P.S. Naturalmente, vale anche qui la raccomandazione di tracciare i diagrammi usando il codice Teletype per la spaziatura fissa.

Non ho capito molto bene evidentemente .
Provo a spiegare quello che ho capito. ho un modulo che effettua la somma delle cifre meno significative, come quello che ho  disegnato sopra, dove accanto ho scritto "modulo bit meno significativi" dove in pratica in  questo modulo non è presente input del riporto in entrata.
Dopo aver fatto questo vado a piazzare un demultiplexer , dove l'input del "demux" corrisponde all'output del riporto del primo modulo.
Gli altri due mduli  effettuano la somma delle cifre più significative. L' output del Demux nel caso specifico 2 vanno ad abilitare il corrispondente modulo"ovviamente ciò dipende dal resto". quello che non capisco è come devo abilitarlo. Posso direttamente, come mi consiglia il prof abilitare uno dei due output , facendo partire dai 2 output del demux due linee che vanno a congiungere tutte le rispettive linee di output nel caso specifico s4,s5,s6,s7, ovviamente carry out.
Spero sia queso , non mi viene in mente nulla.
Logged
Giuseppe Scollo
Moderator
Forumista Eroico
*****
Offline Offline

Posts: 1.517


« Reply #244 on: 23-10-2011, 23:32:09 »

Gli altri due mduli  effettuano la somma delle cifre più significative. L' output del Demux nel caso specifico 2 vanno ad abilitare il corrispondente modulo"ovviamente ciò dipende dal resto". quello che non capisco è come devo abilitarlo. Posso direttamente, come mi consiglia il prof abilitare uno dei due output , facendo partire dai 2 output del demux due linee che vanno a congiungere tutte le rispettive linee di output nel caso specifico s4,s5,s6,s7, ovviamente carry out.
Spero sia queso , non mi viene in mente nulla.
Neanche a me, né vedo cos'altro possa venire in mente, se il punto di partenza è quello stabilito nel testo (alla fine di p. 150): "Tutti e tre i sommatori possono ora cominciare nello stesso momento". L'abilitazione di uno solo dei due sommatori per i 4 bit più significativi non può avvenire sull'input, perché tale abilitazione è determinata dal riporto in uscita del terzo sommatore. Quando questo riporto è disponibile, gli altri due sommatori hanno già fatto anch'essi il loro lavoro e prodotto il risultato sulle rispettive cinquine di uscita. Si tratta dunque di selezionare una delle due cinquine.
Logged
Gladior
Matricola
*
Offline Offline

Posts: 87


« Reply #245 on: 24-10-2011, 13:33:31 »

Il principio del sommatore  a selezione di riporto sono riuscito a capirlo quello che adesso non riesco a capire è come riuscire ad implementare la connessione tra i tre moduli con il relativo selettore ad un bit. I tre moduli lavorano in parallelo  il primo modulo calcola la somma dei bit meno significativi, mentre gli altri due calcolano la somma dei bit più significaivi, nel caso specifico dei moduli della somma  dei bit più significativi, viene caclolata la somma sia sei il riporto vale 1 sia che il riporto vale 0, ovviamente tutto questo in parallelo.Adesso la selezione spetterà al riporto del sommatore dei bit meno significativi, nel caso valga 0 deve essere selezionato il relativo output del modulo che ha affettuato la somma in cui si era supposto che il riporto in ingresso valeva 0.
Altrimenti
nel caso valga 1 deve essere selezionato il relativo output del modulo che ha affettuato la somma in cui si era supposto che il riporto in ingresso valeva 1. 
Logged
Giuseppe Scollo
Moderator
Forumista Eroico
*****
Offline Offline

Posts: 1.517


« Reply #246 on: 24-10-2011, 17:22:24 »

Il principio del sommatore  a selezione di riporto sono riuscito a capirlo quello che adesso non riesco a capire è come riuscire ad implementare la connessione tra i tre moduli con il relativo selettore ad un bit.
Il resto della descrizione è OK. Riguardo al come implementare la connessione, non si tratta di una semplice connessione, ci vuole un po' di logica. Premesso che il selettore a 1 bit si realizza molto semplicemente sdoppiando l'input su due vie, su una delle quali si colloca una porta NOT, si può connettere una di tali vie a un ingresso di una porta AND, avente all'altro ingresso uno dei 5 output di uno dei due sommatori fra cui effettuare la selezione. Occorrono dunque 5 porte AND per ciascuno dei due sommatori, 10 in tutto, da considerare come 5 coppie per le 4 posizioni di output e per il riporto in uscita. Ciascuna coppia di porte AND produce in uscita la coppia di ingressi di una porta OR, la cui uscita è una delle 5 uscite in questione del sommatore a 8 bit (dunque servono altre 5 porte OR). Spero che l'idea sia chiara anche senza diagramma.
Logged
Gladior
Matricola
*
Offline Offline

Posts: 87


« Reply #247 on: 24-10-2011, 17:47:10 »

Il principio del sommatore  a selezione di riporto sono riuscito a capirlo quello che adesso non riesco a capire è come riuscire ad implementare la connessione tra i tre moduli con il relativo selettore ad un bit.
Il resto della descrizione è OK. Riguardo al come implementare la connessione, non si tratta di una semplice connessione, ci vuole un po' di logica. Premesso che il selettore a 1 bit si realizza molto semplicemente sdoppiando l'input su due vie, su una delle quali si colloca una porta NOT, si può connettere una di tali vie a un ingresso di una porta AND, avente all'altro ingresso uno dei 5 output di uno dei due sommatori fra cui effettuare la selezione. Occorrono dunque 5 porte AND per ciascuno dei due sommatori, 10 in tutto, da considerare come 5 coppie per le 4 posizioni di output e per il riporto in uscita. Ciascuna coppia di porte AND produce in uscita la coppia di ingressi di una porta OR, la cui uscita è una delle 5 uscite in questione del sommatore a 8 bit (dunque servono altre 5 porte OR). Spero che l'idea sia chiara anche senza diagramma.
Senza aver fatto caso alla sua risposta avevo inviato uno schema sulla sua email per vedere se effettivamente avevo carpito il concetto .Solo che ho utilizzato un modulo come selettore.
Adesso mi interesserebbe sapere se per lei lo schema che le ho inviato potrebbe andare bene come risposta al quesito, oppure dovrei effettuare tutti i relativi collegamenti con le porte logiche , come dai lei illustarato nella risposta.
« Last Edit: 24-10-2011, 18:09:09 by Gladior » Logged
Giuseppe Scollo
Moderator
Forumista Eroico
*****
Offline Offline

Posts: 1.517


« Reply #248 on: 25-10-2011, 07:42:45 »

ho utilizzato un modulo come selettore.
Adesso mi interesserebbe sapere se per lei lo schema che le ho inviato potrebbe andare bene come risposta al quesito, oppure dovrei effettuare tutti i relativi collegamenti con le porte logiche , come dai lei illustarato nella risposta.
Quello schema va bene come parte della risposta. Il testo dell'esercizio permette di usare i sommatori a 4 bit come moduli, dunque non è necessario specificarne la struttura interna. Se si vuole considerare anche il selettore come modulo, è lecito farlo, anzi, è anche meglio, perché così si organizza l'intera descrizione su due livelli di astrazione: quello della rete combinatoria di moduli e quello delle reti combinatorie relative alla struttura interna dei moduli; tuttavia occorre tracciare separatamente la rete combinatoria del selettore.
Logged
Gladior
Matricola
*
Offline Offline

Posts: 87


« Reply #249 on: 25-10-2011, 11:58:35 »

Sul forum http://studium.unict.it ho postato la soluzione dell' esercio n°23 con il relativo diagramma temporale

Partiamo dal presupposto che i diagrammi riferiti a, b, c, sono identici a quelli del generatore ad impulsi sul fronte di salita come quelli presenti nella figura dell'eserzio quelli che dovrebbero cambiare sono a or b   e d.
 
« Last Edit: 25-10-2011, 13:01:02 by Gladior » Logged
Gladior
Matricola
*
Offline Offline

Posts: 87


« Reply #250 on: 25-10-2011, 14:23:23 »

ho utilizzato un modulo come selettore.
Adesso mi interesserebbe sapere se per lei lo schema che le ho inviato potrebbe andare bene come risposta al quesito, oppure dovrei effettuare tutti i relativi collegamenti con le porte logiche , come dai lei illustarato nella risposta.
Quello schema va bene come parte della risposta. Il testo dell'esercizio permette di usare i sommatori a 4 bit come moduli, dunque non è necessario specificarne la struttura interna. Se si vuole considerare anche il selettore come modulo, è lecito farlo, anzi, è anche meglio, perché così si organizza l'intera descrizione su due livelli di astrazione: quello della rete combinatoria di moduli e quello delle reti combinatorie relative alla struttura interna dei moduli; tuttavia occorre tracciare separatamente la rete combinatoria del selettore.

La parte interna del modulo selettore è stato inserito nel forum http://studium.unict.it attendo notizie.
Logged
Gladior
Matricola
*
Offline Offline

Posts: 87


« Reply #251 on: 25-10-2011, 18:16:53 »

Quesito 22 lezione 8
A quali condizioni il seguente circuito sequenziale asincrono si comporta come un flip flop?
Come si comporta quando si fornisce un impulso a un ingresso e un livello 1 all'altro?
Un flip flop è a commutazione sul fronte o di discesa oppure di salita, Quindi occorre mettere un  dispositvo che permetta di generare degli impulsi, nel caso specifico un generatore di impulsi come quello vito nel esercizio 23 dellalezione 8. Cmq questo esercizio è d avvero particolare ovviamente mi aspetto pure qualche consiglio.
Logged
Giuseppe Scollo
Moderator
Forumista Eroico
*****
Offline Offline

Posts: 1.517


« Reply #252 on: 25-10-2011, 19:28:39 »

La parte interna del modulo selettore è stato inserito nel forum http://studium.unict.it attendo notizie.
Il circuito va bene, occorre solo distinguere le coppie di ingressi omonimi nel suo diagramma, e le corrispondenti uscite, dando loro nomi diversi. Ad es.: sn0, sn1, sn (per n=4,...,7), e carryout0, carryout1, carryout. Non è invece necessario dare nomi alle porte logiche.
Logged
Giuseppe Scollo
Moderator
Forumista Eroico
*****
Offline Offline

Posts: 1.517


« Reply #253 on: 25-10-2011, 19:45:54 »

Sul forum http://studium.unict.it ho postato la soluzione dell' esercio n°23 con il relativo diagramma temporale

Partiamo dal presupposto che i diagrammi riferiti a, b, c, sono identici a quelli del generatore ad impulsi sul fronte di salita come quelli presenti nella figura dell'eserzio quelli che dovrebbero cambiare sono a or b   e d.
Più precisamente, b AND c diventa b OR c, e d cambia di conseguenza (v. appresso). Il circuito è corretto, ma i diagrammi temporali di b OR c e di d non lo sono. Il livello di b OR c dev'essere basso solo quando sono bassi sia b che c... Inoltre, d è come b OR c, ma traslato del ritardo introdotto dalla porta OR.
Logged
Giuseppe Scollo
Moderator
Forumista Eroico
*****
Offline Offline

Posts: 1.517


« Reply #254 on: 25-10-2011, 20:12:18 »

Un flip flop è a commutazione sul fronte o di discesa oppure di salita, Quindi occorre mettere un  dispositvo che permetta di generare degli impulsi, nel caso specifico un generatore di impulsi come quello vito nel esercizio 23 dellalezione 8. Cmq questo esercizio è d avvero particolare ovviamente mi aspetto pure qualche consiglio.
Cominci col dare nomi standard agli ingressi del (supposto) flip-flop, ad es. S e R (che stanno per Set e Reset), e ad identificare i valori di tali ingressi che caratterizzano lo stato di riposo, cioè lo stato in cui l'uscita del circuito è stabile, sia che valga 0 sia che valga 1, fin quando non cambiano gli ingressi.
Logged
Pages: 1 ... 15 16 [17] 18 19 ... 24   Go Up
Print
Jump to: