Pages: [1]   Go Down
Print
Author Topic: Il Comune di Catania vuole privatizzare l’acqua e altri servizi pubblici  (Read 2147 times)
0 Members e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
Shin
Forumista
***
Offline Offline

Gender: Male
Posts: 822

Io sono ciò che sono per ciò che siamo tutti


WWW
« on: 30-09-2012, 09:18:52 »

Sul sito del sindaco di Catania (http://www.raffaelestancanelli.com/?p=1955) leggiamo la notizia che la giunta comunale ha approvato un piano il cui obiettivo è “quello di raggiungere l’efficienza utilizzando quelle norme di legge che incentivano le amministrazioni pubbliche a dismettere le proprie partecipazioni per arrivare alla privatizzazione della gestione dei servizi pubblici locali”.

Qualcuno dovrebbe ricordargli che con il referendum la gente ha già deciso che i servizi essenziali devono essere pubblici e non soggetti alle brutali regole del mercato...
Logged

"Il peggiore analfabeta è l’analfabeta politico. Egli non sente, non parla, nè s’importa degli avvenimenti politici. Egli non sa che il costo della vita, il prezzo dei fagioli, del pesce, della farina, dell’affitto, delle scarpe e delle medicine dipendono dalle decisioni politiche.

L’analfabeta politico è così somaro che si vanta e si gonfia il petto dicendo che odia la politica.

Non sa, l’imbecille, che dalla sua ignoranza politica nasce la prostituta, il bambino abbandonato, l’assaltante, il peggiore di tutti i banditi,
che è il politico imbroglione, il mafioso corrotto, il lacchè delle imprese nazionali e multinazionali."

(Bertolt Brecht)

Collettivo SDAI: collettivosdai.altervista.org, facebook.
Movimento Studentesco Catanese: www.movimentostudentesco.org

https://github.com/ShinDarth
http://shinworld.altervista.org
http://www.openprogrammers.it

LinuxMint user.
Gk
Matricola
*
Offline Offline

Posts: 38


« Reply #1 on: 30-09-2012, 20:58:28 »

ma referendum che esistono a fare se non poi non vengono ascoltati? referendum deve essere sovrano a tutto... perchè è il popolo che decide.
Logged
Shin
Forumista
***
Offline Offline

Gender: Male
Posts: 822

Io sono ciò che sono per ciò che siamo tutti


WWW
« Reply #2 on: 30-09-2012, 21:13:38 »

ma referendum che esistono a fare se non poi non vengono ascoltati? referendum deve essere sovrano a tutto... perchè è il popolo che decide.

Il popolo spagnolo forse decide, quello greco, quello francese.... ma quello italiano è ancora troppo impegnato a seguire il calcio e l'i-phone per scendere in piazza e farsi sentire.
Logged

"Il peggiore analfabeta è l’analfabeta politico. Egli non sente, non parla, nè s’importa degli avvenimenti politici. Egli non sa che il costo della vita, il prezzo dei fagioli, del pesce, della farina, dell’affitto, delle scarpe e delle medicine dipendono dalle decisioni politiche.

L’analfabeta politico è così somaro che si vanta e si gonfia il petto dicendo che odia la politica.

Non sa, l’imbecille, che dalla sua ignoranza politica nasce la prostituta, il bambino abbandonato, l’assaltante, il peggiore di tutti i banditi,
che è il politico imbroglione, il mafioso corrotto, il lacchè delle imprese nazionali e multinazionali."

(Bertolt Brecht)

Collettivo SDAI: collettivosdai.altervista.org, facebook.
Movimento Studentesco Catanese: www.movimentostudentesco.org

https://github.com/ShinDarth
http://shinworld.altervista.org
http://www.openprogrammers.it

LinuxMint user.
Gk
Matricola
*
Offline Offline

Posts: 38


« Reply #3 on: 30-09-2012, 21:50:38 »

per fortuna iphone non lo seguo... ricordiamoci che il nostro corso ha voluto fare un corso di programmazione per iphone  ma c'è ancora?
Logged
Shin
Forumista
***
Offline Offline

Gender: Male
Posts: 822

Io sono ciò che sono per ciò che siamo tutti


WWW
« Reply #4 on: 01-10-2012, 07:39:36 »

per fortuna iphone non lo seguo... ricordiamoci che il nostro corso ha voluto fare un corso di programmazione per iphone  ma c'è ancora?

Si.. è LAP2 ed è programmazione I-Phone e Android insieme cmq non andiamo offtopic Smiley
Logged

"Il peggiore analfabeta è l’analfabeta politico. Egli non sente, non parla, nè s’importa degli avvenimenti politici. Egli non sa che il costo della vita, il prezzo dei fagioli, del pesce, della farina, dell’affitto, delle scarpe e delle medicine dipendono dalle decisioni politiche.

L’analfabeta politico è così somaro che si vanta e si gonfia il petto dicendo che odia la politica.

Non sa, l’imbecille, che dalla sua ignoranza politica nasce la prostituta, il bambino abbandonato, l’assaltante, il peggiore di tutti i banditi,
che è il politico imbroglione, il mafioso corrotto, il lacchè delle imprese nazionali e multinazionali."

(Bertolt Brecht)

Collettivo SDAI: collettivosdai.altervista.org, facebook.
Movimento Studentesco Catanese: www.movimentostudentesco.org

https://github.com/ShinDarth
http://shinworld.altervista.org
http://www.openprogrammers.it

LinuxMint user.
matteobuffa
Administrator
Apprendista Forumista
*****
Offline Offline

Gender: Male
Posts: 258


Why so serious?


« Reply #5 on: 01-10-2012, 10:55:04 »

[...] leggiamo la notizia che la giunta comunale ha approvato un piano il cui obiettivo è “quello di raggiungere l’efficienza utilizzando quelle norme di legge che incentivano le amministrazioni pubbliche a dismettere le proprie partecipazioni per arrivare alla privatizzazione della gestione dei servizi pubblici locali”.
[...]
pubblici e non soggetti alle brutali regole del mercato...

Ho notato che la parte privatizzata del servizio di nettezza urbana è più efficiente di quello pubblico. Il motivo credo sia principalmente il fatto che il comune non sta pagando i dipendnti i quali (giustamente direi) scioperano.
La mia domanda è la seguente:
"se si ottenesse un servizio valido, con la propensione (non immediata, per tutto ci vuole tempo) a migliorarlo, che male ci sarebbe a privatizzare?"

PS Nessuna polemica da parte mia, solo una domanda.

Matteo
Logged

Vereos
Matricola
*
Offline Offline

Posts: 33


« Reply #6 on: 01-10-2012, 11:02:23 »

[...] leggiamo la notizia che la giunta comunale ha approvato un piano il cui obiettivo è “quello di raggiungere l’efficienza utilizzando quelle norme di legge che incentivano le amministrazioni pubbliche a dismettere le proprie partecipazioni per arrivare alla privatizzazione della gestione dei servizi pubblici locali”.
[...]
pubblici e non soggetti alle brutali regole del mercato...

Ho notato che la parte privatizzata del servizio di nettezza urbana è più efficiente di quello pubblico. Il motivo credo sia principalmente il fatto che il comune non sta pagando i dipendnti i quali (giustamente direi) scioperano.
La mia domanda è la seguente:
"se si ottenesse un servizio valido, con la propensione (non immediata, per tutto ci vuole tempo) a migliorarlo, che male ci sarebbe a privatizzare?"

PS Nessuna polemica da parte mia, solo una domanda.

Matteo

Su questo sono d'accordo, la nettezza urbana privatizzata è molto più efficiente della parte pubblica.

Però il punto credo che sia che qui si vuole totalmente privatizzare il servizio, quando la popolazione ha già deciso con un referendum che non lo desidera.

Allora domani costruiremo centrali nucleari, e via dicendo!  [Emoticon] Asd
Logged

"I don't get why people always want and need fast computers. They just have to stand still on a desk!"
matteobuffa
Administrator
Apprendista Forumista
*****
Offline Offline

Gender: Male
Posts: 258


Why so serious?


« Reply #7 on: 01-10-2012, 11:09:26 »

Il primo referendum non fece passare la proposta perché non erano accettabili le basi per privatizzare il servizio.
Se cambiassero gli accordi, a vantaggio di entrambi (cittadini ed azienda), non sarebbe una motivazione più che plausibile per indire un secondo referendum?
Se faccio una proposta che mi viene bocciata, ho la possibilità di riformularla sulla base della prima bocciatura, oppure il primo no mi vale per tutta la vita?

Se ti dicessero, "non volete le centrali nucleari? Ok, allora facciamo centrali sulla base di energie alternative, ma qualcosa facciamolo, dato che abbiamo necessità di produrre energia elettrica", cosa fai? Bocci a priori qualsiasi proposta? Credo (spero) di no.

Matteo
Logged

trinoox
Forumista
***
Offline Offline

Gender: Male
Posts: 590



WWW
« Reply #8 on: 01-10-2012, 11:25:20 »

un motivo valido è che in Sicilia anni fa(e da qualche parte ancora oggi), chissà come mai, l'acqua non arrivava mai... l'acquedotto ti diceva che c'erano problemi o chissa che altro... ancora oggi dalle parti dell'agrigentino(per lo meno a me note), manca l'acqua per settimane, poi chiami l'acquedotto e portano l'autoclave piena d'acqua(se non c'è, da dove la prendono), ovviamente a pagamento!!!
Non diamo gli strumenti ad una Sicilia già ampiamente mafiosa, di dominare... se è vero(perché il dubbio me lo pongo sempre...), sarebbe giusto cominciare le proteste prima delle elezioni regionali... cosi magari qualcuno spinto da "verve" elettorale, da una spintarella affinché tutto si risolva.
Logged

"Se segnassimo a caso dei punti su un foglio di carta, si potrebbe individuare sempre e comunque un'equazione matematica tale da rendere conto di quanto fatto." - Leibniz
matteobuffa
Administrator
Apprendista Forumista
*****
Offline Offline

Gender: Male
Posts: 258


Why so serious?


« Reply #9 on: 01-10-2012, 11:42:25 »

[...]
Se cambiassero gli accordi, a vantaggio di entrambi (cittadini ed azienda), non sarebbe una motivazione più che plausibile per indire un secondo referendum?
[...]

Il bello è che l'ho scritto, ma non lo hai letto? Se cambiassero gli accordi a vantaggio di entrambi

Matteo
Logged

Shin
Forumista
***
Offline Offline

Gender: Male
Posts: 822

Io sono ciò che sono per ciò che siamo tutti


WWW
« Reply #10 on: 01-10-2012, 13:20:30 »

Quote
La mia domanda è la seguente:
"se si ottenesse un servizio valido, con la propensione (non immediata, per tutto ci vuole tempo) a migliorarlo, che male ci sarebbe a privatizzare?"

Probabilmente sarebbe meglio dello stato attuale, ma sarebbe ancora meglio, a mio parere, che il servizio fosse contemporaneamente valido e pubblico. Del resto paghiamo le tasse, se avessimo un'amministrazione pubblica decente non ci sarebbe la necessità di ricorrere ai privati.
Logged

"Il peggiore analfabeta è l’analfabeta politico. Egli non sente, non parla, nè s’importa degli avvenimenti politici. Egli non sa che il costo della vita, il prezzo dei fagioli, del pesce, della farina, dell’affitto, delle scarpe e delle medicine dipendono dalle decisioni politiche.

L’analfabeta politico è così somaro che si vanta e si gonfia il petto dicendo che odia la politica.

Non sa, l’imbecille, che dalla sua ignoranza politica nasce la prostituta, il bambino abbandonato, l’assaltante, il peggiore di tutti i banditi,
che è il politico imbroglione, il mafioso corrotto, il lacchè delle imprese nazionali e multinazionali."

(Bertolt Brecht)

Collettivo SDAI: collettivosdai.altervista.org, facebook.
Movimento Studentesco Catanese: www.movimentostudentesco.org

https://github.com/ShinDarth
http://shinworld.altervista.org
http://www.openprogrammers.it

LinuxMint user.
matteobuffa
Administrator
Apprendista Forumista
*****
Offline Offline

Gender: Male
Posts: 258


Why so serious?


« Reply #11 on: 01-10-2012, 13:30:58 »

[...]Del resto paghiamo le tasse, se avessimo un'amministrazione pubblica decente non ci sarebbe la necessità di ricorrere ai privati.
Quelle tasse sarebbero eliminate ed il denaro a parità del servizio sarebbe investito in un'azienda privata che ha tutto l'interesse di fare bene per andare avanti. Il comune che prende le tasse e non eroga un servizio, ma addirittura crea un disagio ai cittadini e non viene in alcun modo punito per questo è non solo un costo, ma un problema.
Per come la vedo io, dare un mandato alle aziende per la gestione di un servizio con scadenza e possibilità (reale) di essere o meno ri-eletta sulla base dei progressi o semplicemente di aver mantenuto la parola data, potrebbe essere una formula comunque migliore di quella utilizzata fino ad oggi dove tutto è demandato al comune (azienda perennemente in perdita) dove il servizio è sempre stato un miraggio.
Voi che ne pensate?

Matteo
Logged

LtWorf
Forumista Esperto
****
Offline Offline

Posts: 1.079

Ogni cosa da me scritta è da intendersi come opinione personale e non come dato di fatto. Anche le eventuali dimostrazioni matematiche da me scritte saranno opinioni personali e quindi dovranno venire dimostrate da una terza parte di fiducia


WWW
« Reply #12 on: 01-10-2012, 13:47:34 »

@matteo: bullshit :-)

Una azienda che ottiene un appalto pubblico in regime di monopolio lo ottiene per amicizie non per la sua efficienza, e siccome non c'è libero mercato per l'acqua, non hanno nessun interesse ad essere efficienti.
Logged

There are some OO programming languages. I will create the first -_-' language.

LtWorf
matteobuffa
Administrator
Apprendista Forumista
*****
Offline Offline

Gender: Male
Posts: 258


Why so serious?


« Reply #13 on: 01-10-2012, 13:57:21 »

@matteo: bullshit :-)

Una azienda che ottiene un appalto pubblico in regime di monopolio lo ottiene per amicizie non per la sua efficienza, e siccome non c'è libero mercato per l'acqua, non hanno nessun interesse ad essere efficienti.

A pensarla così non si va da nessuna parte. Sono le condizioni iniziali ad essere sbagliate, non il procedimento.
E non le si corregge lasciando tutto in mano al comune.
Le gare di appalto tra amici fanno pena, ma se si mettono dei vincoli, se si mettono delle more per il non raggiungimento di un obiettivo, forse le cose assumono un altro aspetto, forse si esce da questo stagno mentale.

Matteo
Logged

Eleirgab
Apprendista Forumista
**
Offline Offline

Gender: Male
Posts: 344


Apprezzatemi ora. Eviterete la fila


WWW
« Reply #14 on: 02-10-2012, 08:05:09 »

@matteo: bullshit :-)

Una azienda che ottiene un appalto pubblico in regime di monopolio lo ottiene per amicizie non per la sua efficienza, e siccome non c'è libero mercato per l'acqua, non hanno nessun interesse ad essere efficienti.

A pensarla così non si va da nessuna parte. Sono le condizioni iniziali ad essere sbagliate, non il procedimento.
E non le si corregge lasciando tutto in mano al comune.
Le gare di appalto tra amici fanno pena, ma se si mettono dei vincoli, se si mettono delle more per il non raggiungimento di un obiettivo, forse le cose assumono un altro aspetto, forse si esce da questo stagno mentale.

Matteo

Lo stagno mentale è essere riusciti a convincere qualcuno sul finire del 2012, dove il capitalismo globale ha pesantemente fallito e rischia di eliminare le più elementari conquiste sociali ottenute col sangue, che l'acqua che cade dal cielo possa essere gestita da un monopolio privato.
Logged

Collettivo SDAI

-----BEGIN GEEK CODE BLOCK-----
Version: 3.1
GIT d-- s+:+ a-- C++ UL++ P L+++ E- W+++>$ N? o? K- w-- O? M V? PS++ PE- Y+ PGP- t 5? X+ R>+ tv-- b++ DI+++ D- G e h! r y+
------END GEEK CODE BLOCK-----
Pages: [1]   Go Up
Print
Jump to: